Sapevatelo time! 10 curiosità sulla Marvel che forse non conoscete

Marvel vs the Wizard of Oz
Cosa sarebbe il lunedì senza Sapevatelo Time? Un lunedì noioso. Smettete quindi di fare tutto ciò che stavate facendo e concentratevi sulla lettura del vostro blog preferito. Oggi parliamo di Marvel Comics, la casa editrice di supereroi più famosa del mondo. Quando pensiamo alla Marvel subito il nostro pensiero va a Stan Lee, Spider-Man e spandex. E la continuity, croce e delizia di ogni nerd che si rispetti. Anni e anni di storie ci hanno regalato avventure ed eventi memorabili ma ci sono degli episodi che sono sconosciuti alla maggior parte dei comuni mortali. Il team di Non è un paese per nerd (che poi sarebbe composto da una sola persona ma fa più cool pensare che ci sia dietro un team. E poi adoro usare il plurale maiestatis. Chiusa parentesi) oggi ve ne propone dieci. Se state morendo dalle curiosità di conoscerle continuate a leggere.

1. I licantropi per molto tempo sono stati bannati
sauronsavage1

La Comics Code Authority fu un’organizzazione fondata nel 1954 con lo scopo di rendere i fumetti americani più “kid-friendly”, ma oltre a proibire le scene violente e sanguinose questo fascist organo di censura decise di mettere al bando anche i licantropi. La Casa delle Idee aggirò questa bizzarra censura inventando delle creature ugualmente mostruose. L’esponente più eminente della categoria è Sauron (che vedete ritratto nella foto in alto), un uomo-pterodattilo delle Terre Selvagge apparso per la prima volta nel 1969 su X-Men #60.
Fortunatamente nel 1971 il codice fu revisionato  e anche i licantropi poterono apparire sulla testate fumettistiche. Ci fu quindi un exploit di lupi mannari come la fortunata testata Werewolf By Night e l’imbarazzante storyline del 1990 di Capitan America dove il nostro Cap si trasformò… in un “Cap-mannaro”!

2. Uno degli autori più influenti della Marvel era anche un illusionista
779px-Comiccon_21

 Jim Steranko, autore della mitica serie Nick Fury, Agent of S.H.I.E.L.D  negli anni Sessanta, prima di diventare un disegnatore fu un escapologista alla Houdini. Ha suonato anche in una rock band che fece da supporter persino a Bill Haley and the Comets. Steranko fu poi arrestato nel 1956 per il furto di 25 macchine e due camion. Ed è stato anche un mangiafuoco. Un bel curriculum, vero?

3. Il fondatore della Marvel Comics scampò per un pelo la tragedia dell’Hindenberg
794px-Hindenberg

Se un uomo di nome Martin Goodman avesse tenuto fede ai suoi piani originali nel 1937 la Marvel Comics non sarebbe mai esistita. Quell’anno infatti Goodman era in luna di miele in Europa con sua moglie. Per il viaggio di ritorno Goodman aveva in mente di volare con il dirigibile Hindenberg, ma non fece in tempo a comprare i biglietti e trovare due posti vicini, così decise di prendere un aereo. Come tutti sappiamo, l’Hindenburg prese fuoco e venne completamente distrutto provocando 35 vittime tra i novantasette passeggeri.
Una volta tornato negli States fondò la Timely Comics che poi divenne la Atlas Comics nel 1951 e infine la Marvel Comics nel 1961.

4. La Marvel ha contribuito a creare l’universo dei Transformers
transformers-through-the-ages

La Marvel è responsabile dello sviluppo dei nomi Optimus Prime e Megatron. Negli anni Ottanta la società produttrice di giocattoli Hasbro contattò l’allora Editor-in-Chief Jim Shooter e gli autori Denny O’Neil e Bob Budiansky. La Hasbro aveva comprato i robot che si camuffano da auto e aerei (e tante altre cose) dalla compagnia giapponese Takara e aveva bisogno di riadattarli. O’Neil se ne venne fuori con Optimus Prime e Budiansky creò Megatron, metre Jim Shooter scrisse otto pagine sui rapporti tra Decepticon e Autobot, sulla loro storia e un’analisi dettagliata di molti tratti distintivi dei robot e il loro schieramento.

5. Uno dei suoi artisti più famosi si diede al porno
wally wood
Wally Wood è conosciuto dalla maggior parte dei Marvel fan come colui che cambiò il costume di Devil da giallo a rosso. Pochi sanno che è anche conosciuto con il nome di Dirty Wally Wood. Nei suoi ultimi anni Wood diede il suo contributo alla versione pornografica del cartone Biancaneve e i sette anni e Disneyland Orgy. Disegnò anche una versione hard di Flash Gordon, intitolata Flasher Gordon e un comic book dal titolo Gang Bang. Nel 2012 la Disney ha comprato la Marvel, sicuramente dimenticando di questi particolari piccanti.

6. “Sex” Easter eggs
Sex-MenSe siete degli appassionati tra gli X-Men e se ve la ritrovate nel vostro scantinato smettete di leggere questo articolo e andate a ripescarvi la copia di New X-Men #118. Fatto? Bene. Adesso contate quante volte riuscite a trovare la parola “sex” in questo albo. Non sarà facile. Questa piccante parola si cela tra le illustrazioni almeno 18 volte. Piccolo suggerimento: cercate tra le ciocche dei capelli, le bottiglie di whiskey, una siepe, una pozzanghera, i rami degli alberi e i manifesti di protesta.
L’idea è stata del disegnatore Ethan Van Sciver per alleggerire una storia di per sé molto drammatica.

 7. Per anni ha detenuto i diritti della parola “zombie”
marvelzombies

Le industrie dell’intrattenimento, come quella dei fumetti, fanno molto affidamento su marchi commerciali, e l’abilità di concedere licenze sui marchi attraverso film e merchandising non può che generare lucrose entrate. Lo stesso termine “Super-hero” è  un marchio in comproprietà registrato da Marvel e Dc. Altra curiosità è che dopo la fine della pubblicazione di Tale of the Zombie nel 1975, la Marvel acquistò i diritti della parola “zombie”. La Marvel è stata proprietaria dei diritti di utilizzo fino al 1996 quando, a causa del successo dei morti viventi, realizzò che era impossibile detenerne i diritti!

8. La lettera di dimissioni di un’artista fu (accidentalmente?) pubblicata in una storia
resignationletter

Dave Cockrum, artista Marvel famoso per la creazione di personaggi come Colosso, Nightcrawler e Tempesta degli X-Men, rassegnò le sue dimissioni nel 1979. E fin qui niente di strano. La sua lettera di dimissioni però fu pubblicata in un albo, Iron Man #127. In quella storia Jarvis, il maggiordomo di Tony Stark, si licenzia dopo essere stato picchiato dal vecchio Tony che in quel periodo aveva problemi non indifferenti con l’alcol. La lettera dice “Lascio perché non c’è più quello spirito di squadra da grande e felice famiglia che avevo trovato all’inizio”. La lettera continua dicendo che il clima di ingiustizia, maliziosità di alcuni individui aveva convinto Cockrum a prendere questa decisione.
L’unico cambiamento che è stato fatto nella lettera pubblicata nell’albo è stata la parola “Vendicatori” al posto di “Marvel”. Tre numeri dopo in Iron Man #130 lo scrittore David Michelinie spiegò ai lettori che si trattò di un errore di stampa.

 9. Un supereroe è stato creato appositamente per un bambino sordo
BLUE_EAR_SMITH-625x937
Blue Ear è un supereroe dell’universo Marvel creato apposta per Anthony Smith, un bambino di quattro anni del New Hampshire affetto da totale sordità all’orecchio destro e quasi sordo dal sinistro a causa di un’alterazione cromosomica. Quando sua madre acquistò un impianto cocleare il bambino andò in depressione e rifiutava di indossarlo a scuola perché “i supereroi non indossano orecchie blu”. La madre allora scrisse alla Marvel che creò “The Ble Ear”, ad opera di Nelson Ribeiro.

10. La Marvel ha ucciso Nixon
Nixon-Blown-Away-Trimmed

Molti di voi ricorderanno quando Barack Obama è apparso sulla copertina di The Amazing Spider-Man #583. Tuttavia Barack (che ricordiamo essere uno dei lettori più incalliti di questo blog) non è stato il primo presidente ad apparire negli albi Marvel. Prima di lui già erano apparsi George W. Bush e Jimmy Carter, ma l’apparizione più sensazionale l’ha fatta Richard Nixon in Captain America #175, pubblicato un mese prima che Nixon desse le dimissioni in seguito allo scandalo Watergate. Nell’albo in questione Cap sta cercando di smascherare un misterioso agente governativo sovversivo. L’arco narrativo, scritto da Steve Englehart, finì nel 1975 quando il cattivo in questione sembra proprio essere Richard Nixon nonostante non lo si veda mai chiaramente in faccia. Il villain della run messo alle strette da Cap decide poi di suicidarsi. Tuttavia Englehart ha più volte precisato che non ha mai ricevuto pressioni dalla Marvel e che l’idea di oscurare il volto di Nixon era stata sua. Un’autocensura non necessaria a quanto pare.

Se siete dei veri true believers condividete l’articolo su Facebook, Google Plus, Twitter e non scordatevi di commentare!

Stay nerdish, stay foolish!

 


 

Annunci

19 pensieri su “Sapevatelo time! 10 curiosità sulla Marvel che forse non conoscete

  1. Che interessante! Tutti questi segreti (diciamo) mi interessano tantissimo! Numero 9, mi piace particolarmente perché amo quando le persone “famose” aiutano i bambini malati, o in questo caso quel bambino sorto. È assolutamente una bellissima cosa a vedere. Fa gonfiare il mio cuore il fatto che un supereroe era creato per far sentire meglio un bambino.
    Un’altra parte di questo articolo che trovo molto interessante è numero 1. Io amo le storie di fantasia e pensavo sempre che i licantropi fossero affascinante perché il lupo è uno dei miei animali preferiti. Capisco che forse volevano che i fumetti fossero più “kid friendly” ma in alcune storie i licantropi proteggano gli umani dai vampiri come nel “Twilight Saga” e “The Vampire Diaries”. Quindi, non avevano bisogno di vietare i licantropi, ma crearli più amichevoli e meno cattivi. Questo articolo mi è piaciuto davvero un sacco. Complimenti!

    Mi piace

    1. Ciao (di nuovo) Miranda. Innanzitutto voglio complimentarmi per il tuo italiano e mi fa piacere che tanta amici americani commentino il mio blog. Per quanto riguarda i licantropi prossimamente approfondirò la questione del “Comics Code”. Stay nerdish!

      Mi piace

  2. Mi ha piaciuto molto questo articolo, anche se non ho letto i fumetti . Mi ha piaciuto specialmente il di Martin Goodman ed il Hindenburg perché senza Goodman, questo articolo non esisterebbe. Mi è piaciuto anche il numero 2, perché dimostra che I autori dei fumetti sono molto più interessante di quanto pensavo. Non avrei mai immaginato che un autore di di fumetti potrebbe essere un escapologista on un ladro di automobili . Un fatto che si potrebbe trovare interessante è che Michael Jackson voleva comprare Marvel Comics negli anni ’90 perché voleva fare la parte di Spider-Man nei film.

    Mi piace

    1. Agustina, anche a me non piace leggere i fumetti, ma mi piace guardare i film con i supereroi. Mi è piaciuto numero due anche perché mi piace guardare illusionisti! Loro sono fantastico! E
      non sapevo che Michael Jackson voleva comprare Marvel Comics. Interessante!

      Mi piace

      1. Agustina, mi piace i fumetti, ma non li leggo spesso. Andrea, anche a me piace guardare i film con i supereroi, “The Avengers” è il mio preferito. Pensa che numero sette sia molto interessante. Non sapevo che il termine “zombie” era di proprietà di Marvel. Ho pensato che “zombie” era una parola commune nella lingua. Interessante!

        Mi piace

      2. Ciao Andrea! Sono d’accordo con te e devo ammettere che non penso di avere mai letto un fumetto! Mi piaceva sempre leggere i novelli e guardare i film ed i film dei supereroi sono sempre fantastici. Numero due mi piace anche perché penso che gli illusionisti sono molto interessante!

        Mi piace

    2. Non sapevo che Michael Jackson voleva comprare Marvel o che lui voleva fare la parte di Spider-man. Mi piacerebbe a vedere quello fatto nell’articolo. Lo può essere conoscenza comune per i fan dei fumetti, ma non tutti lo sapevano. Sono sicuro che c’è una storia interessante dietro.

      Mi piace

  3. Tutte le storie sono molte interissante! In particolare, mi piace la storia di The Blue Ear. Era molto simpatico di Marvel a scrivere un fumetto per un fan, specialmente un fan chi soffriva di sordità. La storia dimostra come la comunità può essere affiatato. Penso che numero 2 sia molto comico. Chi avrebbe pensato che un autore dei fumetti avrebbe rubato 25 macchine? E gli era un illusionista (ovviamente non era un buon illusionista, se avesse arrestato)?
    Inoltre, mi piace numero 3. È molto interissante a pensare che il mondo degli fumetti avrebbe potuto a cambiare così drammaticamente!
    Non ero sempre interessato ai fumetti e non sapevo qualcuno delle storie, ma adesso sono incorregiato a leggere più fumetti. La comunità è fantasico e gli autori dicono le storie meravigliose. Grazie per aver scritto questo articolo!

    Mi piace

  4. Molto interessante! Non sapevo che Marvel era molto scandaloso! Secondo me, Marvel era puramente per i bambini e i primi adolescenti. Inoltre, sono contenta di sapere che Marvel ha aiutato nella creazione dei Transformers. Guardavo Transformers quando ero una ragazza piccola. Mi piace Optimus Prime perché è il supereroe e perché è il più coraggioso. Grazie per scrivere questo blog, mi è piaciuto di leggerlo!

    Mi piace

  5. Ciao, Flavio. Questo è la prima volta che leggo il suo blog e sicuramente la sua cognizione dei fumetti è straordinaria. Ma ti devo fare una domanda. Dove trovi le informazioni che usi nei suoi articoli? Alcuni dei fatti sono incredibili! Particolarmente penso del numero 10. Non so come Englehart non riceva una lettera di reclamo da Nixon ed i suoi alleati politici per il cammeo del presidente in “Captain America #175”. Non posso pensare della reazione dal governo americano se la Marvel ha ucciso Obama in uno dei suoi fumetti, specialmente durante il suo mandato!
    Non smetti scrivendo questi articoli. Sono molti interessanti!

    Mi piace

    1. Ciao Dominick, per scrivere le curiosità della mia rubrica sulla Marvel alcune cose le ho imparate leggendo i redazionali degli albi, altre spulciando su internet. Penso che se oggi la Marvel decidesse di uccidere Obama in uno dei suoi fumetti il “nostro” Presidente la prenderebbe con un sorriso. E poi ricordiamoci del Primo emendamento sulla libertà di espressione 😉

      Mi piace

  6. Adrian, sono d’accordo con il tuo commento su “Blue Ear.” È fantastico che la Marvel ha riconosciuto uno dei suoi fan, specialmente con un nuovo supereroe. Sono sicuro che il bambino indossava l’impianto cocleare dopo il lancio del fumetto!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...