Liebster Award!

liebster-award

Cari lettori, era da un po’ di tempo che il team di “Non è un paese per nerd” non si faceva vivo. Ci stiamo prendendo una bella vacanza per ricaricare le forze e tornare più agguerriti che mai a settembre. Ma non è con le foto di feste esclusive su yacht di lusso che vogliamo tediarvi oggi. La vera notizia è che il vostro blog preferito è stato nominato per i Liebster Award!!!

I che?
       I cosa-come-cosa?

Vogliamo tranquillizzarvi, non si tratta di una parolaccia. In parole povere, è una “nomination” a cui possono aspirare solo i blog con più di centomila visite giornaliere!!!
Non è vero, riguarda solo i blogger con meno di duecento “follower”.  La leggenda narra sia stato inventato in Germania. Un premio un po’ pezzente, che altro non è che una catena di sant’Antonio, ma almeno dà la possibilità di farsi conoscere. Ringraziando Lord Fantasy per avermi nominato (non ti conosciamo, ma hai sicuramente buon gusto), procedo all’elenco delle regole del Liebster Award:

1)rispondere alle domande poste dal blogger che vi ha nominato
2) nominare altri dieci blogger e avvisarli
3)porre dieci domande a questi blogger

Iniziamo con le domande poste da Lord Fantasy:

  1. Cosa ti ha spinto ad aprire un blog e cosa vorresti ne venisse fuori?
    Era una cosa che volevo fare da tempo ma che non ho mai avuto il “coraggio” di fare. Una volta entrato alla scuola di giornalismo “Walter Tobagi”,  Federico Cella – uno dei tutore del master, nonché giornalista del Corriere della Sera – ci ha assegnato come “compito a casa” quello di creare un blog. Abbiamo iniziato in trenta ma siamo in pochi ad aggiornare i nostri blog con una certa costanza. Io ho scelto di scrivere il blog su una serie di cose che mi sono sempre piaciute. Di conseguenza scrivo sempre con piacere.
  2. Ascolti musica quando scrivi? Se sì, quale?
    Mi piace ascoltare musica ma non quando scrivo. Per quello voglio il silenzio più totale o, perlomeno, voglio ridurre al massimo le distrazioni.
  3. Che musica ascolti, invece, in generale?
    Sono sempre stato abbastanza eclettico e vado a periodi. Posso dire cosa non mi piace: neomelodica napoletana, tutto quella roba inascoltabile che mettono in discoteca.
  4. Parenti o amici?
    Amici. E guardati.
  5. Indoor o outdoor?
    Come se fosse Antani, anche per lei soltanto in due.
  6. Affideresti più facilmente la vita ad una macchina o ad una persona?
    Nel momento in cui sto scrivendo, ossia il 2015, ad una persona. Nel futuro, chi può dirlo?
  7. Quale posto vorresti assolutamente vedere, anche immaginario?
    Vorrei visitare New York.
  8. Sport preferito?
    Mi piace giocare a calcio anche se non lo seguo. Seguo il basket ma sono una frana a giocarlo.
  9. Tv, libri o sport?
    Tv e libri.
  10. Qualcosa che giudichi assolutamente male senza esserti neppure avvicinato?
     Non qualcosa ma qualcuno. Chi soffre di meteorismo.

Passiamo adesso ai blogger da nominare: si tratta di quelli creati da alcuni ragazzi della “Walter Tobagi”, alcuni vengono aggiornati costantemente, altri sono stati lasciati in sospeso e spero che questo post li sproni a scrivere ancora.

1) Orizzonti Superflat di Nicola Grolla. Un bel blog su fumetti ed animazione scritto con uno stile impeccabile ad opera di un veneto doc. Daghine, Nick!

2) Fatti Vivo di Gabriele Nicolussi. Un blog sui concerti più “cool” di Milano e sulla buona musica.

3)L’incoscienza di Zeman di Emiliano Mariotti. Il lato romantico, poetico ma anche politico del calcio è solo su questo blog.

4)Palloni in fuga di Roberto Bordi. Anche qui si parla di calcio. Ma non quello dei grandi club, dei giocatori strapagati. Qui si parla di storie di ragazzi normali, quei giocatori di cui i giornali non parlano mai. Leggendolo ho la sensazione che il calcio sia ancora uno sport bello.

5) Bunker Debunker di Chiara Severgnini. Dopo Paolo Attivissimo, il miglior sito sulle bufale è questo. Visitatelo e fatelo crescere!

6) La Penisola del lavoro che non c’è di Diana Cavalcoli.  Uno spaccato sulle (precarie) tematiche  lavorative nostrane ed estere.

7) Un lavoro del genere di Federica Scutari. Notizie sul mondo del lavoro al femminile pensato per le donne e comprensibile anche dagli uomini!

8) Luoghineilibri di Michela Rovelli. Un viaggio alla scoperta dei luoghi più suggestivi del globo terracqueo attraverso la letteratura.

9) Contamigrazioni di Lara Martino. Islam, Europa, immigrazione, integrazione: temi scottanti spiegati e raccontati con obiettività e semplicità. #scusalara (questo hashtag è un “inside joke”)

10) Una donna in Vaticano di Camilla Colombo. Il blog più seguito dai rampolli di San Pietro e da Sua Santità. Tenete d’occhio questa ragazza perché sarà il primo Papa donna.

E adesso passiamo alle dieci domande da porre:

1)quale altro tema avresti scelto in alternativa a quello del tuo blog?

2) i blog sono morti?

3) qual è la lettura imprescindibile di un libro che consiglieresti?

4)non pensi che il mio blog meriterebbe più popolarità?

5)qual è la regione più bella d’Italia?

6) qual è il posto più bello che hai visitato?

7) scrivi ancora con piacere il tuo blog o ti è venuto a noia?

8) scossa?

9) qual è il tuo film preferito? (no polpettoni, please)

10) Tarapìa tapioco! Prematurata la supercazzola, o scherziamo?

Stay nerdish, stay foolish!

Annunci

Un pensiero su “Liebster Award!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...