Famous Funnies, il primo comic book della storia

famous funnies n.1
Yellow Kid è universalmente considerato come il primo personaggio a fumetti della storia, Superman come il primo supereroe. Ma vi siete mai chiesti quale sia stato il primo comic book della storia? Qual è stato quel volumetto identificabile senza scanso di equivoci come un fumetto? 

Stati Uniti d’America, anni Trenta, Grande Depressione. In quegli anni le strisce a fumetti avevano acquistato popolarità. L’editoria però viveva un momento di profonda crisi e stava cercando il modo di immettere sul mercato nuove idee e nuovi prodotti per attirare i lettori in modo da incrementare le vendite. Nel 1929 la Dell Publishing aveva pubblicato quello che può essere considerato come il prototipo dell’albo a fumetti: The Funnies, albo di 16 pagine formato tabloid che riproponeva le strisce domenicali già apparse sui quotidiani. L’esperimento durò 36 settimane, dal 16 gennaio 1929 al 16 ottobre 1930.

The Funnies #28 (1930). Copertina di  Victor E. Pazmiño
The Funnies #28 (1930). Copertina di Victor E. Pazmiño

Il secondo prototipo fu un albo non destinato alle edicole ma ideato come regalo promozionale. Tutti coloro che avessero acquistato un prodotto per la casa della Procter & Gamber e avesse spedito i coupon avrebbe potuto ricevere l’albo di 16 pagine Funnies on Parade. Era il 1933.

Funnies on parade il primo albo promozionale a fumetti della storia
Funnies on parade, il primo albo promozionale a fumetti della storia

Nello stesso anno viene pubblicato dalla Eastern Color quello che è considerato dagli storici il primo albo a fumetti americano (e della storia). Stiamo parlando di Famous Funnies: A Carnival of Comics.

Fissatevi l'immagine di questo albo nella mente se siete dei veri nerd!
Fissatevi l’immagine di questo albo nella mente se siete dei veri nerd!

Come si può notare dall’immagine qui sopra non appare il prezzo. Ci si domanda quindi se si sia trattato di un albo promozionale o meno. Gli storici sostengono che l’albo venisse venduto al prezzo di dieci centesimi.

L’anno successivo avvenne la vera rivoluzione che avrebbe dato il via all’industria dei comics americani. Venne infatti pubblicata Famous Funnies, una vera e propria collana mensile completamente a colori che prevalentemente ripubblicava alcune strisce apparse sui quotidiani ma anche materiale inedito.

Una delle copertine di Famous Funnies. La prima la trovate nell'immagine principale dell'articolo
Una delle copertine di Famous Funnies. La prima la trovate nell’immagine principale dell’articolo

La mossa si rivelò vincente. Vennero pubblicati 218 albi fino al 1955. Il fumetto stava incominciando ad emanciparsi dai quotidiani. Nel 1938 sarebbe arrivato Superman…

Se vi sentite più acculturati dopo la lettura di questo post sapete già cosa fare: condividere, commentare, iscrivervi.

Stay nerdish, stay foolish!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...