I tre grandi astri di pigrizia giapponesi. Prologo

men shadow.png  600×410

Giappone. La terra dei samurai, del ramen, dei robottoni, del judo e del karate. Per i nerd di tutto il mondo, il Giappone è soprattutto il paese dei manga e degli anime.

E anche degli hentai, sù! Lo so che siete entrati solo per questo.
E anche degli hentai, su! Lo so che siete entrati solo per questo.

Ma negli ultimi decenni un male di origine sconosciuta sta iniziando ad ammorbare i mangaka: la pigrizia!

Nella foto: un infante affetto da pigrizia.
Nella foto: un infante affetto da pigrizia.

I ricercatori di tutto il mondo, di cui citiamo solo i più importanti:

Az team control. Nella foto: l'eminente dottor Beaver.
Az team. Nella foto: l’eminente dottor Beaver.
Dream team
                Dream team

hanno dopo strenue ricerche trovato il paziente zero. Anzi ne hanno trovati tre! Tre autori le cui opere sono destinate a non finire mai per via delle loro interminabili pause e della loro pigrizia. Manga iniziati da tempi immemori e di cui forse solo i nostri pronipoti riusciranno a vederne la fine. Vi chiederete come è possibile tutto ciò. La pigrizia ha permesso a questi autori di raggiungere un nuovo grado dell’evoluzione umana: sono diventati i tre grandi astri di pigrizia giapponesi!

Evoluzione quasi ai loro livelli
       Evoluzione quasi ai loro livelli.

Essi dormono per circa 250 giorni all’anno sospendendo tutte le loro funzioni vitali e svegliandosi solo per abbozzare qualche vignetta, oppure concentrandosi meticolosamente in una singola vignetta. Calcolando che ogni capitolo di un manga è composto da circa 18 pagine da otto vignette ciascuna e che un tankobon raccoglie in media otto capitoli… Provate un po’ a fare un calcolo! In parole povere: tempi biblici!

Due lettori  aspettano stoicamente la fine dell'opera di uno dei tre grandi astri di pigrizia.
Due lettori aspettano stoicamente la fine dell’opera di uno dei tre grandi astri di pigrizia.

Restate quindi sintonizzati su questi canali per scoprire chi sono i tre grandi astri di pigrizia giapponesi. Non ve ne pentirete.

Se vi è piaciuto l’articolo spargete la voce su tutti i social network: Facebook, Gplus, twitter. Parlatene anche al vostro fruttivendolo. Io non ve ne vorrò di certo.

Stay nerdish, stay foolish!

Annunci

Un pensiero su “I tre grandi astri di pigrizia giapponesi. Prologo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...